Sviluppo personale attraverso il gioco

bambini che giocano

Sviluppo personale attraverso il gioco, si può?
Che cosa significa giocare?
Perché i bambini giocano?
E perché gli adulti non giocano più?

Uno dei problemi dell’uomo occidentale è l’isolamento interiore in contrasto con tanta comunicazione esterna facilitata dalle nuove tecnologie, una comunicazione però superficiale. Si comunica ma non si entra veramente in contatto con gli altri. Viviamo in una società frenetica dove fare una pausa è visto come una totale perdita di tempo e quindi ha acquisito una connotazione negativa. Trovare un momento da dedicare a sé stessi in tranqullità e solitudine è molto importante.

È fondamentale fare silenzio interno, respirare ed entrare in contatto con noi stessi, con gli altri, con l’ambiente che ci circonda per mantenere il nostro equilibrio psico fisico, infatti solo fermandosi un momento e prendendo coscienza di noi stessi ci rendiamo conto di cosa va bene e cosa no.

bambini che giocano saltando con il sacco

Il gioco ci mette in contatto con gli altri e con noi stessi.

La parola gioco viene dal latino “iocus” ovvero burla, scherzo e che acquisisce, secondo la Treccani, il significato di “qualsiasi attività liberamente scelta a cui si dedichino, singolarmente o in gruppo, bambini o adulti senza altri fini immediati che la ricreazione e lo svago, sviluppando ed esercitando nello stesso tempo capacità fisiche, manuali e intellettive…”

Il gioco non ha solo una componente ludica infatti giocando i cuccioli dei mammiferi  sperimentano la realtà attraverso la finzione e imparano a cacciare, a lottare e a procurarsi il cibo. Anche nell’uomo il gioco ha un valore educativo infatti per i bambini il gioco, come ben dice Maria Montessori, è un fattore spontaneo di sviluppo sia dal punto di vista della crescita psicofisica sia della maturazione interna.

gessetti per giocare

Il gioco è un fenomeno universale, tutti i bambini giocano e hanno sempre giocato, il gioco può cambiare a seconda della posizione geografica, dell’età, del sesso e dell’epoca. La cosa importante è che il bambino impara abilità sociali per adattarsi poco a poco elle esigenze del suo tempo e dell’ambiente dove cresce.

Filosofi, biologi, sociologi, psicologi, antropologi ed etologi si sono appassionati nel cercare il significato del gioco e tra il XIX e il XX secolo si sono proposte varie teorie sul significato del gioco che coincidono con un progressivo riconoscimento del suo valore ridandogli senso e dignità.

Perché giochiamo? o perché sarebbe bello continuare a giocare?

Prima di tutto per la gratuità dell’atto in sé… perché giocare ci aiuta a ridere senza un motivo , e questo porta ad eliminare lo stress, a ridurre stati depressivi e ci permette di far emergere le nostre emozioni.

Giocando si stimola la spontaneità, si ha la libertà di scegliere con chi farlo, si ha la libertà di decidere quando cominciare e quando finire. Si può usare la creatività per reinventare l’uso degli oggetti, non esiste né un fine né una intenzione, semplicemente si rispettano le emozioni che nascono e si accompagnano

Si impara a rispettare l’altro; i partecipanti decidono le regole e si impegnano a rispettarle. Grazie al gioco si apprende a improvvisare senza fretta e senza pressione.

Sia nel gioco spontaneo tra bambini che in giochi guidati in un gruppo, si impara a conoscere il proprio corpo con i suoi limiti, e a riconoscere i messaggi che questo ci invia ed inoltre si apprende a tenere un contatto rispettoso con gli altri conoscendo e accentando i loro limiti.

bambini gioco di gruppo

Il gioco stimola la creatività, quella capacità di risolvere i problemi man mano che si presentano entrando nell’ordine di idee che tutto è possibile. Basta aprire il nostro sguardo e non cercare sempre la solita soluzione abitudinaria.

Interessante vero?
Ti piace giocare?
Ti dai ancora il permesso di farlo?
Ti piacerebbe?

Durante il seminario ISP, Integrazione Somato Psichica oltre alla teoria e pratica su come vivere la positività e ad imparare la respirazione consapevole terapeutica, c’è una parte dedicata proprio alla riscoperta di sè e degli altri in un spazio ludico dove si gioca, si ride, ci si diverte e si crea una profonda connessione con il proprio sè. Una di quelle esperienze che ci segnano profondamente e ci portano a capire che la felicità è una nostra responsabilità.

Ti senti pronto per decidere di essere felice?

Non mi resta che invitarvi alla conferenza “Il potere nel respiro. Scopri come ottenere salute prosperità e felicità” che si terrà l’8 luglio a Mestre, un’eccellente occasione per conoscere il Dott. Giacconi e il suo metodo di respirazione consapevole terapeutica per svegliare la coscienza e integrare corpo, emozioni e mente aprendoci alla positività.

Prenota qui la partecipazione alla conferenza dell’8 luglio a Mestre.

Scarica la GUIDA RAPIDA PER LA FELICITÀ

5 passi per diventare l’unico artefice della tua vita

Articoli Collegati

Ti è piaciuto l’articolo? Condividilo!
FacebookTwitterGoogle+

5 passi per diventare l'unico artefice della tua vita




Laura Longhino
Laura Longhino
Team Aspeera

Laura scopre il Dott. Giacconi per lavoro, ma scopre anche che lo conosceva già per vie traverse. Frequenta l'ISP e si innamora perdutamente del progetto Aspeera. Pratica Yoga da 10 anni ed è istruttrice da 5. Laura è solare e gioiosa e i suoi temi preferiti sono: Yoga, meditazione, minfulness, benessere e alimentazione

Commenta tu per primo!

Lascia un commento

Cancella tutti i campi