Atteggiamenti mentali errati: come evitarli

le parole della positività

“Un genio con un atteggiamento errato coltiva il fallimento, mentre un uomo qualunque con un atteggiamento positivo può solo che coltivare e realizzare successi”, Napoleon Hill

II primo e più efficace sistema per non realizzarsi e non realizzare le nostre aspirazioni più elevate è: NON SAPERE COSA VOGLIAMO, o avere desideri ed obiettivi confusi e contraddittori tra loro. Un pensiero tipo è: vorrei avere tanti soldi, ma non voglio impegnarmi e detesto dover avere a che fare con molte persone.

“Definisco i “pochi che fanno” contrapponendoli ai “molti che chiacchierano”; coloro che sanno ciò che vogliono e sono pronti i a pagare il prezzo per ottenerlo”. Antony Robbins

Molto “efficaci” sono anche tutti i DUBBI, PAURE, INSICUREZZE E PENSIERI DI SFIDUCIA, riguardo alle possibilità ed alla facilità di poter realizzare ciò che vogliamo.
Gli atteggiamenti mentali errati, l’autosvalutazione, il pessimismo, la focalizzazione eccessiva sugli ostacoli i rischi e le probabili difficoltà, il ripetersi interiormente: “è difficile, il momento, la contingenza, il mercato non aiutano, è impossibile, già in molti hanno fallito, etc.” sono sabotatori interiori di ogni progetto creativo.

Se poi questo atteggiamento “perdente” si insinua sulla nostra percezione di noi stessi e delle nostre risorse, come le sabbie mobili, invischia, blocca e risucchia ogni slancio e ogni volontà creativa.
“Possono perché credono di potere” ammoniva Virgilio, ed io ribadisco che se ci credi forse lo realizzerai, ma se non ci credi e non hai fiducia in te, nelle tue possibilità e nelle tue risorse il coniglio non uscirà MAI dal cappello.

“Quando manca la convinzione, le gambe non reggono, i colpi non partono e il campione si dispone alla sconfìtta”. Nino Benvenuti

II dubitatore di se stesso e la mancanza di fiducia nei propri mezzi sono sabotatori terribili del nostro futuro.
Raggiungere la cima della montagnaUn altro nemico del successo in ogni ambito è il LAMENTO, il FOCALIZZARSI SULLA CARENZA, LA MANCANZA E CIO’ CHE NON VOGLIAMO.
Ciò su cui ci concentriamo, si espande e tende a manifestarsi con sempre maggiore consistenza nella realtà. Quando ci lamentiamo e ci focalizziamo sulla mancanza, diventiamo delle calamite viventi dì sfighe. Attiriamo ancora di più ciò che non desideriamo. Avrete certamente notato che chi più si lamenta è chi finisce per avere sempre più motivi per farlo. A volte pensiamo che abbiamo buoni motivi per lagnarci e fare le vittime, ma la realtà è esattamente al contrario, la nostra realtà di vita fa così schifo solo perché è su quello che siamo concentrati quando ci lamentiamo.

”Non esistono vittime ricche” T. HarvEker

Anche la tendenza a trovare sempre qualcun altro a cui DARE LA COLPA e la responsabilità dei propri insuccessi e delle difficoltà è un subdolo atteggiamento con garanzie di fallimento e frustrazione.
Può essere consolatorio ma fallimentare pensare che è sempre qualcun altro che ha la colpa: i genitori, il governo, Dio, il mio capo, i miei collaboratori, il coniuge.
Rientra nella dannosa abilità di cercare alibi e giustificazioni, invece che agire ed accettare il rischio di sbagliare, di perdere o peggio ancora di vincere veramente con tutte le responsabilità che questo comporta.

Se è vero che niente succede a meno che prima non sia un sogno, nessun progetto si realizza solo sognando. Se voglio che i sogni si realizzino dopo un po’ devo: aprire gli occhi e darmi una mossa.

Articoli Collegati

Ti è piaciuto l’articolo? Condividilo!
FacebookTwitterGoogle+

5 passi per diventare l'unico artefice della tua vita




Laura Longhino
Laura Longhino
Team Aspeera

Laura scopre il Dott. Giacconi per lavoro, ma scopre anche che lo conosceva già per vie traverse. Frequenta l’ISP e si innamora perdutamente del progetto Aspeera. Pratica Yoga da 10 anni ed è istruttrice da 5. Laura è solare e gioiosa e i suoi temi preferiti sono: Yoga, meditazione, minfulness, benessere e alimentazione

Commenta tu per primo!

Lascia un commento

Cancella tutti i campi