Rancore e risentimento: le emozioni nocive

http://www.aspeera.it/wp-content/uploads/2014/07/Non-rovinare-un-oggi-fantastico1.pnghttp://www.aspeera.it/wp-content/uploads/2014/07/Non-rovinare-un-oggi-fantastico1.pngRancore e risentimento: le emozioni nocive

rancore e risentimento

Il rancore e la collera non sono mai senza una ragione, ma difficilmente ne hanno una buona.
B. Franklin

Quando proiettiamo all’esterno la colpa e la vergogna ed usiamo in maniera distorta il sentimento dell’odio, creiamo rancore e risentimento.
Quando veniamo feriti profondamente da chi amiamo, o riguardo a qualcosa che amiamo proviamo un forte dolore ed un intenso desiderio/energia di eliminarne la fonte.

Tutto ciò è molto umano. E’ uno schema di sopravvivenza della specie che può risultare utile a difenderci, a far valere i nostri diritti a far conoscere agli altri in che modo ci feriscono, a scaricare, e lo sappiamo fare senza danni, tutta questa energia che è stata attivata. Spesso il dolore è tanto più forte quando viene inferto, consapevolmente o meno, da qualcuno che amiamo. Quindi, inevitabilmente, finiamo con odiare specialmente coloro che amiamo di più. Anni e anni di rigida educazione, ci hanno però insegnato che non va bene e quindi, spesso, non ci permettiamo di chiarirci o confrontarci subito con chi crediamo ci abbia ferito.
A volte ci colpevolizziamo perfino per il fatto di essere arrabbiati e pieni di odio. Ma dobbiamo anche metterci bene in testa una cosa: Non ha senso punire un sentimento.
Se compite azioni distruttive in preda all’odio è una cosa, se siete feriti e arrabbiati e lo esprimete costruttivamente è tutt’altra.
Se invece reprimiamo i nostri sentimenti, li neghiamo o li occultiamo dentro di noi cresce il desiderio di vendetta, il rancore e risentimento, i quali avvelenano chi li coltiva e non chi li causa. Questi “virus” chiudono il cuore all’amore e all’amicizia, creano distanza, ripicche, screzi, intossicano il fegato ed il sangue.

La mente che non perdona vede sé stessa come innocente e gli altri come colpevoli, prospera nel conflitto e nel voler avere ragione, è confusa, arrabbiata e piena di timori. Attribuisce agli altri l’enorme potere di renderci infelici o felici, crea aspettative e inventa delusioni, crea il presupposto al vittimismo e alle faide. Il perdono diventa allora un processo dì liberazione da ciò che pensiamo ci abbiano fatto le altre persone o che noi pensiamo di aver fatto a loro.

Un’opportunità di chiarimento, di apprendimento per il futuro, di miglioramento nella sincerità dei rapporti. Imparare a dire “Ti amo, ma ciò che mi hai detto o fatto mi ha fatto molto male e ti ho odia¬to per questo e voglio condividerlo con te per evitare che possa riaccadere, per favore”.

Scrivere i nostri tormenti, rilassarci e lasciar fluire, aiuta a “guarire” e ci vuole a volte un po’ di tempo e di pazienza. Quindi, scrivete, scrivete e lasciatevi andare..

Ricordate: il rancore avvelena chi lo prova, non chi lo provoca

Ci sentiamo presto…

 

Articoli Collegati

Ti è piaciuto l’articolo? Condividilo!
FacebookTwitterGoogle+

5 passi per diventare l'unico artefice della tua vita




Laura Longhino
Laura Longhino
Team Aspeera

Laura scopre il Dott. Giacconi per lavoro, ma scopre anche che lo conosceva già per vie traverse. Frequenta l'ISP e si innamora perdutamente del progetto Aspeera. Pratica Yoga da 10 anni ed è istruttrice da 5. Laura è solare e gioiosa e i suoi temi preferiti sono: Yoga, meditazione, minfulness, benessere e alimentazione

1 Commento added

  1. Viviana 2014/08/08 | Rispondi
    Grazie! :) E' stato come un buffetto in testa leggere queste parole.

Lascia un commento

Cancella tutti i campi