Dimenticarsi dello stress: i 7 consigli per farlo al meglio

dimenticarsi dello stress

Il nostro corpo e la nostra mente sono paragonabili ad una pentola a pressione. Lo stress, l’ansia, il rancore, la rabbia, la paura ecc. contribuiscono ad alzare la pressione e se ignorati possono portare all’esplosione della pentola.
Cosa accade quando la pentola esplode? Il corpo cerca un modo per liberare i nervi e lo trova nelle patologie più drastiche che derivano da ansia e stress: attacchi di panico e depressione.

La questione dunque è: come fare affinché la pentola non esploda? Semplice, prevenire è meglio che curare. Quindi evitando stress e ansie inutili si dovrebbe essere al riparo.

Il sito Viverepiùsani stila una lista di 7 CONSIGLI da mettere in pratica tornati a casa dal lavoro per ridurre lo stress:

  1. Togliersi le scarpe
  2. Presa di coscienza (le attività lavorative sono finite)
  3. Fare una breve passeggiata
  4. Un po’ di riposo pomeridiano
  5. Un bagno rilassante
  6. Non fate più cose alla volta
  7. Riposo mentale

I più importanti per Aspeera? Di sicuro i numeri 2, 6 e 7.

2. Quando arrivate a casa dovete capire che le vostre responsabilità lavorative sono finite. Per quanto possibile, dovete riuscire a separare questi due ambiti: quello personale e quello lavorativo. Quando siete a casa vostra dovete comprendere che quello è il vostro tempo e la vostra vita, la vita reale, dove ci sono i vostri cari e le cose importanti. Dovete riuscire a godervele e a godervi il tempo che è solo vostro, dividendo le due cose

6. Tornare a casa e iniziare a cucinare mentre ascoltate i bambini, stirate, guardate l’agenda pensando alle cose che dovete fare domani… Quante cose potete arrivare a fare contemporaneamente quando siete a casa? Cercate di rendervene conto e controllarvi, in modo da avere un equilibrio e mantenere la tranquillità, evitando nuove situazioni di stress.

Questo consiglio è molto importante poiché la maggior parte dell’ansia e dello stress è anticipatorio. Ci preoccupiamo oggi di ciò che potrebbe (o non potrebbe) accadere domani, ma è INUTILE. Impara a goderti il momento e vivrai molto più serenamente.

7. Rilassatevi per dieci minuti pensando solo alle vostre cose, investite in tempo per voi stessi, pensando al presente e a quello che desiderate per il futuro. Valorizzate ciò che avete e tutte le cose belle da cui siete circondati. Alle volte, lo stress ci fa perdere la strada e offusca tutto ciò che è importante per noi, fino al punto di non sapere più quali sono le nostre priorità. La vostra salute è la cosa più importante: rilassatevi, sorridete, pensate a cose piacevoli. Vedrete che è davvero facile!

Il settimo consiglio vuole essere un modo per dire: sii grato/a per quello che hai. Forse hai molto per essere infelice, ma di sicuro anche molto per cui esserlo. Cerca di concentrarti su quello.

L’ottavo consiglio è tutto targato Aspeera e non poteva riguardare altro che il respiro.

Prenditi 10 minuti per respirare come ti insegnerò e noterai da subito la differenza. Nell’articolo Gravidanza, mai provato il respiro del mare?   trovi la tecnica del “Respiro ad onda” o “ Respiro del mare”. Non lasciarti spaventare dal titolo: è di certo un ottima tecnica per le madri ma lo è anche per chi madre non è.

Se riesce a calmare una mamma in attesa, pensa a quanto potrà fare per te!

A presto

 

Articoli Collegati

Ti è piaciuto l’articolo? Condividilo!
FacebookTwitterGoogle+

5 passi per diventare l'unico artefice della tua vita




Laura Longhino
Laura Longhino
Team Aspeera

Laura scopre il Dott. Giacconi per lavoro, ma scopre anche che lo conosceva già per vie traverse. Frequenta l'ISP e si innamora perdutamente del progetto Aspeera. Pratica Yoga da 10 anni ed è istruttrice da 5. Laura è solare e gioiosa e i suoi temi preferiti sono: Yoga, meditazione, minfulness, benessere e alimentazione

Commenta tu per primo!

Lascia un commento

Cancella tutti i campi