SEGUICI SU:

[APPROFONDIMENTO] Analisi respiro (passo 3)

donna felice
Terzo appuntamento con gli elementi chiave per l’analisi del respiro.

Oggi è arrivato il momento di analizzare quanta aria prendiamo.

La quantità del respiro viene delineata nei primi 5 o 10 anni di vita, ma cosa posso capire dal QUANTO?

Se una persona respira TANTO significa che è molto vitale.
Se al contrario respira POCO: ha a che fare con ciò che chiamiamo “merito” e il “non dar fastidio e non recar danno”.

Le cause possono essere ricollegate al rapporto con i genitori che magari desideravano un maschio e invece hanno avuto una femmina (o viceversa), oppure non desideravano un figlio, oppure il parto è stato traumatico.

Oppure la nascita è collegata a livello temporale ad un fatto familiare poco positivo come ad esempio un lutto o un fallimento economico. I pensieri inconsci sono: «Nasco io e un altro muore» e/o «Nasco io e reco danno, porto fallimento».

Come avrete intuito l’argomento è molto vasto, e questo  non  è che un breve assaggio teorico.

Ci sarebbero un’infinità di altre cose da dire e da spiegare riguardo all’interpretazione del respiro, ma il modo più efficace per metterle in pratica, e capirle fino in fondo, sarebbe considerarle caso per caso vista l’unicità della storia e leggenda di ognuno.

Per ora, questo è tutto. Continua a seguire Aspeera per saperne di più!

POST CORRELATI
Analisi del respiro – 1
Analisi del respiro – 2

Articoli Collegati

Ti è piaciuto l’articolo? Condividilo!
FacebookTwitterGoogle+

5 passi per diventare l'unico artefice della tua vita




Team Aspeera
Team Aspeera
Team Aspeera

Commenta tu per primo!

Lascia un commento

Cancella tutti i campi