SEGUICI SU:

[APPROFONDIMENTO] Le 4 fasi della respirazione (parte 1)

INSPIRAZIONE

Inspirazione

Durante l’inspirazione, in maniera complementare ed opposta al polmone, il cervello si contrae stimolando la concentrazione, la calma mentale e il rallentamento del dialogo interno.

L’inspirazione consapevole, a differenza di quella nevrotica,  permette di riempire in profondità parti dei polmoni che nella respirazione normale vengono usate in maniera superficiale e limitata.

Per approfondire e intensificare l’inspirazione è necessaria una funzione volontaria ed attiva del respiro che corrisponde simbolicamente alla volontà di aprirsi alla vita, al mondo, al sentire profondo, in quanto più è profondo il respiro e più si espande la nostra capacità di percepire le sensazioni  e le informazioni che ci arrivano dai sensi sia interiormente che esteriormente.

La paura della vita e delle emozioni intense inibisce la nostra capacità di sentire e di sentirsi e quindi di inspirare. Una respirazione scarsa e limitata equivale ad una scarsa energia, favorisce l’astenia, la depressione, la stasi, la ripetitività dei pensieri, il senso di debolezza, di fragilità e di insicurezza. Respirare profondamente aumenta le nostre capacità di assumere noi stessi in maniera più globale e di essere ispirati.


L’inspirazione ci educa a prendere senza avidità quanto ci spetta in abbondanza, dando così sostegno al nostro diritto di esistere qui ed ora nell’abbondanza.

Articoli Collegati

Ti è piaciuto l’articolo? Condividilo!
FacebookTwitterGoogle+

5 passi per diventare l'unico artefice della tua vita




Laura Longhino
Laura Longhino
Team Aspeera

Laura scopre il Dott. Giacconi per lavoro, ma scopre anche che lo conosceva già per vie traverse. Frequenta l'ISP e si innamora perdutamente del progetto Aspeera. Pratica Yoga da 10 anni ed è istruttrice da 5. Laura è solare e gioiosa e i suoi temi preferiti sono: Yoga, meditazione, minfulness, benessere e alimentazione

Commenta tu per primo!

Lascia un commento

Cancella tutti i campi