[APPROFONDIMENTO]Le 4 fasi della respirazione (parte 4)

apnea

APNEA A POLMONI VUOTI

Riuscire ad incontrare il vuoto e la mancanza, rimanendo sereni e rilassati a polmoni vuoti per alcuni secondi è una conquista che va fatta gradualmente, soprattutto dalle persone ansiose.

La paura del vuoto è legata alla paura della povertà, della mancanza, dell’abbandono, dell’ignoto e del buio. È una fase in cui si possono incontrare molte delle nostre paure illusorie e condizionate. Bisogna perciò allenarsi ad osservarle e imparare a lasciarsi andare, a non farsi suggestionare da fantasmi psichici.
Il vuoto ci insegna a connettersi con la nostra interiorità in un viaggio di scoperta, fiducia, e curiosità attraverso il nostro mondo interiore.

Nel vuoto si ha la possibilità di superare la percezione del corpo, dell’ego e della nostra ordinaria limitazione spazio temporale.
Sul piano organico la pausa a polmoni vuoti facilita l’espulsione massima delle tossine e aumenta il desiderio e la necessità di ossigeno, stimolando naturalmente un aumento della fase inspiratoria successiva.
La pausa a polmoni vuoti porta anche ad un espansione della massa celebrale e favorisce, sul piano psichico, la percezione sottile, la visione, la funzioni dell’emisfero destro del cervello.

Si può affermare che gran parte dell’umanità ha i nervi a pezzi per la mancanza del silenzio per la superattività del corpo e del pensiero.
Sembra che in questa fase della sua evoluzione l’uomo debba sempre riempire il vuoto e gli spazi di silenzio impulsivamente. Le parole, anche quando ripetute mentalmente consumano un certo quantitativo di energia, il respiro viene quindi ostacolato nel suo ritmo naturale e il troppo parlare innervosisce gli ansiosi che hanno spesso un dialogo interno continuo e ossessivo.

Il silenzio ci porta ad ascoltare qualcosa di più profondo che è all’interno.

Articoli Collegati

Ti è piaciuto l’articolo? Condividilo!
FacebookTwitterGoogle+

5 passi per diventare l'unico artefice della tua vita




Laura Longhino
Laura Longhino
Team Aspeera

Laura scopre il Dott. Giacconi per lavoro, ma scopre anche che lo conosceva già per vie traverse. Frequenta l'ISP e si innamora perdutamente del progetto Aspeera. Pratica Yoga da 10 anni ed è istruttrice da 5. Laura è solare e gioiosa e i suoi temi preferiti sono: Yoga, meditazione, minfulness, benessere e alimentazione

Commenta tu per primo!

Lascia un commento

Cancella tutti i campi