[APPROFONDIMENTO] Le 4 fasi della respirazione (parte 2)

APNEA A POLMONI PIENI

apnea fasi respirazione

Una volta riempiti i polmoni in profondità  avviene, a livello alveolare, lo scambio dell’ossigeno con l’anidride carbonica.
Nella respirazione veloce e superficiale a cui siamo abituati  vi è pochissimo tempo perché questo scambio avvenga in maniera corretta, il che è un grosso errore.

La pausa a polmoni pieni aumenta infatti tutti gli effetti positivi di una buona inspirazione. Si verifica una situazione di equilibrio che favorisce le corrette posture e il rilassamento.
Trattenendo i polmoni pieni ci si abitua a prendersi il proprio tempo, ad avere calma e pazienza, a resistere alla fretta, ad assumere la realtà in maniera più profonda per darsi il tempo di comprendere, apprendere e digerire gli eventi.
La psiche si rilassa, le cellule hanno massima possibilità di nutrimento e di eliminazione, ci apriamo a spazi interiori di ascolto, il che è un ottimo sistema antiansia.

Nella pausa a polmoni pieni si favorisce la focalizzazione, utile a trovare mete, obiettivi, risorse, convinzioni che vogliamo salvare nel nostro database psichico. È importante non confondere la focalizzazione con lo sforzo poiché la concentrazione è uno stato di attenzione vigile senza alcuna tensione,  tipica dei pensatori, dei filosofi e dei mistici.

La patologia degli attacchi di panico, è spesso accompagnata da pensieri caotici, ossessivi, irreali e catastrofici, padroneggiare l’inspirazione e imparare a rilassarsi in abbondanza con i polmoni pieni aiuta a riacquisire questa dignitosa padronanza psicoemotiva.donna a braccia aperte

Le connessioni profonde tra respirazione, cervello e sistema nervoso fanno si che l’attività celebrale dipenda in gran parte dalla capacità e dalla potenza del nostro respiro.
Tramite l’esecuzione di determinati esercizi respiratori i centri nervosi inattivi si destano, accumulando una notevole carica elettrica in grado di smuovere e riattivare certe parti addormentate del cervello e di stimolare la rigenerazione cellulare.

Lavorare sul pieno è necessario dove sia presente un forte stato di esaurimento e di depressione, di astenia e di debolezza.

Riacquisendo padronanza di questa fase, ci si sente protagonisti dei propri progressi e in grado di acquisire abilità autogene che dipendono esclusivamente da lui.

La respirazione a trattenimento d’aria è il rimedio naturale contro l’emotività incontrollata ed è molto utile praticarla dopo una forte emozione.

Articoli Collegati

Ti è piaciuto l’articolo? Condividilo!
FacebookTwitterGoogle+

5 passi per diventare l'unico artefice della tua vita




Laura Longhino
Laura Longhino
Team Aspeera

Laura scopre il Dott. Giacconi per lavoro, ma scopre anche che lo conosceva già per vie traverse. Frequenta l'ISP e si innamora perdutamente del progetto Aspeera. Pratica Yoga da 10 anni ed è istruttrice da 5. Laura è solare e gioiosa e i suoi temi preferiti sono: Yoga, meditazione, minfulness, benessere e alimentazione

1 Commento added

  1. lorenzo 2014/05/23 | Rispondi
    meraviglioso!

Lascia un commento

Cancella tutti i campi